Durante l’ultima settimana di agosto l’intero villaggio di Le Grand-Bornand torna a essere bambino. L’intero centro viene decorato e chiuso alla circolazione durante il festival Au Bonheur des Mômes; un’atmosfera vera e unica.
I creatori estoni di Labora ha preso parte ai festeggiamenti quest’estate visitando molti workshop e raccogliendo informazioni su come altri educatori riescono a far divertire i bambini. Era chiaro sin dall’inizio che la partecipazione al festival per la nostra ricerca era la scelta giusta. Questo perché Au Bonheur des Mômes è uno dei più grandi festival per bambini al mondo con 90.000 spettatori, 536 spettacoli e 30 diversi workshop.

Il festival è stato creato nel 1992 dal Théâtre de la Toupine e dal villaggio di Grand-Bornand e riunisce molti eventi dedicati al pubblico giovane (spettacoli, mostre, workshop). Inoltre, il Festival affronta ogni anno un tema per sensibilizzare l’opinione pubblica su questioni sociali e ambientali. Quest’anno uno degli slogan era “Lascia i tuoi schermi, vieni a vedere la vita!”
Questa strategia aveva lo scopo di sensibilizzare i bambini e i loro genitori sull’uso degli schermi nella nostra vita quotidiana senza demonizzarli. Anche questa è una parte importante in quanto il progetto ha mostrato diversi modi di combinare il mondo digitale e quello reale senza sovrapporsi.

Lo sviluppo sostenibile è anche uno dei principali obiettivi del Festival.
Labora era molto interessata a come gli organizzatori comunicassero le informazioni ai bambini e alle famiglie attraverso il coinvolgimento di associazioni per l’educazione  e il gioco.
Au Bonheur des Mômes vizia anche i più piccoli con spettacoli e attività adatte dai 3 mesi e i loro genitori. Osservare come gli educatori hanno interagito con questi bambini è stata una parte importante della nostra ricerca.

 

 

Oltre agli spettacoli e ai workshop, in ogni luogo, i bambini hanno potuto scoprire molte attività divertenti come i giochi di legno, strumenti giganti, giostre fatte a mano o ancora l’Armeria Magica.
Infine la promozione della lettura che ha un posto importante nel Festival: Labora, che ha un ruolo attivo nel settore della carta e della stampa, è molto favorevole alla lettura.
Essere parte di questo incredibile evento dedicato ai bambini ci ha reso molto felici. Abbiamo lasciato il festival con gioia nei nostri cuori, con molti nuovi contatti da tutto il mondo e nuove idee sull’educazione dei bambini. Ma soprattutto ci siamo sentiti ispirati da tutte le persone che hanno creato un luogo così magico per famiglie e bambini. Speriamo che un giorno anche noi possiamo visitare questo bellissimo posto con una ragione meno lavorativa con le nostre famiglie.

 

Categories: News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: